Aquaplus   Haiti

Aquaplus

INTERVISTA A M.ME MEXIL GLADYS

COMMISSARIO DI HAITI PER EXPO 2015

  • Come ha conosciuto l’attività del Rotary ad Haiti?
    Ho avuto l'opportunità di incontrare l’ingegner Romagnoli all'inizio del mese di febbraio, in occasione della visita a Roma del Ministro dell'Agricoltura di Haiti, Thomas Jacques: Romagnoli mi ha spiegato il lavoro dei Rotary Club milanesi ad Haiti, con particolare riferimento al progetto Aquaplus.

  • Come è percepito il progetto Aquaplus dalla popolazione haitiana?
    Non vivo ad Haiti adesso, non conosco quindi per esperienza diretta il riflesso di questo progetto nella vita degli haitiani. Tuttavia credo che sia un passo importante, in grado di segnare un nuovo approccio dei donatori rispetto alla ideazione e conduzione di progetti ad Haiti. In effetti, leggendo la dettagliata documentazione, ho capito che anche la popolazione locale è direttamente coinvolta nella realizzazione dell’iniziativa. Il che cambia tutto.

  • Non manca molto all’EXPO di Milano, come vi state preparando?
    Ora il tempo stringe. L'Expo è di fondamentale importanza per Haiti. Sarà un'esperienza unica per ogni paese, nel tentativo di sottolineare la rispettiva identità composita, dal punto di vista culturale, storico e sociale. Haiti prevede di utilizzare questa finestra sul mondo per condividere, comunicare e arricchire il suo patrimonio.

  • Come può il Rotary essere di supporto alla vostra presenza all’EXPO?
    Il Rotary ha già apportato un plus ad Haiti, con il progetto AQUAPLUS. Questo supporto può essere implementato attraverso lo sviluppo di prodotti in sperimentazione Haiti i cui risultati forniscono una risposta alle aspettative degli organizzatori di Expo Milano 2015. Vale a dire “Come garantire che tutti gli uomini abbiano accesso a una alimentazione adeguata, sana di qualità e sostenibile".

  • Aquaplus non è solo un progetto per l’acqua potabile, ma riguarda anche  la nutrizione, la formazione e la sostenibilità. Quali sono le possibilità di successo? Ci sono aspetti di criticità, a suo parere, nei confronti della popolazione haitiana?
    Aquaplus è in realtà più di un semplice progetto per l'acqua potabile. Il suo carattere pienamente integrato con la ricerca di soluzioni per la nutrizione e la formazione ne garantisce la durata nel tempo e lo rende un elemento costitutivo fondamentale per EXPO MILANO 2015.

In effetti, ci sono tutti gli ingredienti per rendere questo progetto un successo, non solo per il Rotary, ma anche per Haiti:

  1. la stessa popolazione haitiana contribuisce alla realizzazione di Aquaplus;
  2. la ricerca di una soluzione ai problemi di nutrizione della comunità è al centro del progetto;
  3. il contributo attivo della University of Notre Dame è di fondamentale importanza per la ricerca scientifica, il monitoraggio e la localizzazione del progetto;
  4. il trasferimento e la condivisione delle conoscenze fornite dall'Università di Milano con i giovani haitiani contribuisce alla sostenibilità dell'iniziativa;


È auspicabile garantire il successo a lungo termine di Aquaplus, con particolare attenzione rivolta alle tradizioni culturali delle comunità.